MAMMA CHE STRESS!

Intervista alla Dr.ssa Ilaria Arzenton, Psicologa dello Sviluppo e dell'Educazione

Dott.ssa Arzenton, dello stress si parla molto, ma davvero anche i nostri figli possono essere stressati?

Lo stress è una risposta psicofisica a compiti di natura emotiva, cognitiva o sociale, che la persona percepisce come eccessivi (Selye, 1976). Anche in età evolutiva si può sperimentare lo stress; molti bambini e ragazzi sono così impegnati tra scuola e attività extrascolastiche da non avere abbastanza tempo per giocare liberamente, sviluppare la propria creatività o rilassarsi.

Anche i problemi familiari sono fonte di stress: problemi legati al lavoro dei genitori che si ripercuotono nelle mura domestiche, preoccupazioni sulla salute di persone vicine affettivamente, litigi tra mamma e papà fino ad arrivare ai casi di separazione con tutte le conseguenze in termini emotivi e di riorganizzazione di tempi e routine.

Una notevole fonte di tensione attuale sono anche i mass media: i bambini vedono costantemente immagini inquietanti e sentono parlare di guerre, terrorismo, disastri ambientali. Possono preoccuparsi per la propria sicurezza e quella delle persone che amano, fino a sviluppare ansia da separazione dai genitori e fobia scolare. 

Quali sono i sintomi dello stress in età evolutiva?

Nei bambini lo stress si manifesta attraverso cambiamenti nel comportamento: crisi di rabbia, pianto, rifiuto nei confronti della scuola, rifiuto o ricerca eccessiva del cibo, problemi di addor-mentamento, paure eccessive. Negli adolescenti spesso lo stress si esprime attraverso comportamenti oppositivo-provocatori nei contesti di vita. Lo stress può anche apparire con sintomi di tipo fisico come mal di stomaco/pancia o mal di testa senza un'apparente causa organica.

Come diminuire lo stress dei nostri bambini?

  • Gioco e riposo. I bambini hanno bisogno di tempo per rilassarsi e giocare in compagnia o anche da soli, soprattutto a contatto con la natura. Non bisogna sovraccaricarli di attività, pur positive come lo sport, soprattutto se generano competizione con la relativa ansia da prestazione.
  • Educare alla non perfezione. Fate capire al vostro piccolo che le situazioni vanno affrontate con impegno ma sapendo che si può anche sbagliare e che se accade si riprova la volta successiva.
  • Incoraggiate il bambino ad affrontare le sue paure. Evitare le situazioni ansiogene mantiene l’ansia. Al contrario, se un bambino affronta i suoi timori impara che l’ansia si riduce man mano che le prove si affrontano con calma e razionalità.
  • Lodate spesso i vostri bambini focalizzandovi sui loro piccoli successi e aspetti positivi.
  • Mostratevi calmi e in grado di gestire il vostro stress personale e relazionale, così il bambino avrà un modello positivo da seguire.
  • Incoraggiate un sonno regolare: dormire il tempo necessario e con un sonno di buona qualità è molto importante per l’equilibrio psicofisico.
  • Incoraggiate il bambino ad esprimere le sue emozioni e a risolvere i suoi problemi, stimolando la ricerca di possibili soluzioni efficaci.

Una soluzione di gestione dello stress nei bambini è IL RILASSAMENTO. Vari studi hanno rilevato come le tecniche di rilassamento e di immaginazione guidata migliorino nei bambini la capacità di concentrazione e di espressione delle emozioni e riducano l'aggressività.

In Domus Medica è possibile ricevere sostegno psicologico e training di rilassamento - in un contesto di gioco individuale o di piccolo gruppo - per risolvere le situazioni di stress in età evolutiva.





Domus Medica Srl Via Zanchi, 12 35042 Este (PD) Italy - Tel. +39 0429 50303 Fax +39 0429 59031 - E-mail: info@domusmedicaeste.it - PEC domusmedicaeste@pec.it
P.IVA/C.F. PD 03827560289 - Reg.Imp./R.E.A. PD 340294 - Cap. Soc. € 75.000,00 i.v.